domenica 27 novembre 2016

UN ANNO : LEONARDO DE TONI

Dopo due anni si conclude il rapporto di collaborazione tecnica  con Leonardo De Toni.
Sono estremamente felice nell'essere stato il tecnico di un atleta che si è sempre impegnato. 

Questo il suo 2016

Risultati 2016

Maratone 2016
- Maratona di Treviso
12°posto assoluto, (10° classifica uomini) 3° italiano 2° di categoria in 2.43.27
- Maratona di Padova
14° posto assoluto( 12° uomini) 6°italiano 3° di categoria in 2.43.22
- Maratona di Venezia
27° assoluto (23° uomini) 15° italiano 3° di categoria 2.41.05
- Maratona di New York
497 assoluto ( 52000 persone) 19°italiano

Mezze maratone
- 6^ Moonlight Half Marathon6^ Moonlight Half Marathon
33° assoluto 6° di categoria in 1.18.25
- XIX Dogi°s Half Marathon | 3/4/2016
26° assoluto in 1.17.
- 7a Maratonina di Mestre - Tra Parchi e Torri | 18/09/2016
5° assoluto 1° di categoria in 1.17
- 7^ Maratonella di Campalto | 02/10/2016 30 km
4° assoluto 1° di categoria federale in 1.50

- 3^ Corri con noi 10km

1 assoluto in 36.24

Il 2017 vedrà Leonardo cambiare preparatore. 
A Leonardo ho augurato il meglio e che i suoi obiettivi futuri possano essere presto raggiunti.
Come sempre auguro : buona corsa!

venerdì 13 maggio 2016

L’IMPORTANZA DI AVERE UN ALLENATORE

"Un allenatore è qualcuno che ti dice quello che non vuoi sentire, ti fa vedere quello che non vuoi vedere, in modo che tu possa essere quello che hai sempre saputo di poter diventare."                                                                                                                                 Tom Landry

                 Purtroppo sono in molti coloro che leggendo una rivista che parla di corsa, di programmi oppure che consultando internet ritengono che iniziare a correre, ma soprattutto continuare a correre dopo la fase iniziale sia la cosa più semplice. Se da un lato la corsa è un’attività fisica alla portata di tutti o quasi, cosi come l’abbigliamento, un orologio_cronomentro anche da pochi euro e un paio di scarpe ( per queste meglio farsi consigliare) dall’altro dopo un po’ potrebbero venir fuori dei problemi legati a fattori diversi.
                Quando ho iniziato a correre in modo diverso dalle corse dietro un pallone o le gare tra amici nei campi, ossia dopo che,  essendo arrivato 2° nella prova scolastica alle medie “Lorenzo Ghiberti” ,legata ai Giochi della Gioventù,  ho avuto la possibilità di ricevere come premio un invito ad un corso all’atletica leggera presso l’Assi Giglio Rosso a Firenze, categoria giovani (12 anni) e pertanto con l’ ASA Biagioli. La  prima cosa che hanno fatto è stata quella di presentarmi all’allenatore..un certo Calabretta. 
                  Allenamento di corsa due volte a settimana con un primo assaggio di 40’ di corsa continua con altri giovani certamente meglio preparati di me. Mi ricordo ancora la fatica, ma allo stesso tempo felice di aver corso per tutti i 40’.  La sede degli Assi Giglio Rosso è a metà strada nella salita che porta al Piazzale Michelangelo pertanto o prima o dopo la salita la trovavi.
Alla fine c’era sempre l’allenatore che ci aspettava in campo, qualche allungo o sulla pista ancora in terra rossa o di traverso stando attenti ai giavellotti e al martello.
Per diversi motivi ho poi lasciato quel gruppo per correre più vicino  a casa con l’U.S.A. Club Scandicci e anche qui un valido allenatore, Giuseppe Cindolo. Quello che mi preme pertanto far presente e che non bisogna sottovalutare l’importanza dell’allenatore. Sarà questo che predisporrà i dovuti carichi alfine di evitare infortuni e/o sovrallenamento; con lui si dovranno valutare gli obiettivi  e capire se e quando potranno essere raggiunti.  
Ritengo che solo con un allenatore si possano raggiungere gli obiettivi prefissati o meglio si raggiungeranno prima che in modo autonomo e certamente con meno infortuni.
                   E’ altresì vero che dopo un po’  c’è la tendenza a fare da soli, ma ci sarà un motivo perché atleti di livello internazionale abbiamo ancora un allenatore. L’allenatore è capace di predisporre una tabella personalizzata che verrà gestita dall’atleta, in quanto questi ha raggiunto una buona autonomia per gestire le varie fasi dell’allenamento, anche se poi dovrà essere l’allenatore ha decidere come procedere nelle preparazioni successive sempre che l’atleta abbia comunicato quanto fatto .
L’allenamento deve essere costruito in modo tale da seguire alcuni dei principi fondamentali tra i quali : la gradualità, la progressività dei carichi, il rispetto dei tempi  e le modalità dei recuperi. 
                  Si proprio il “recupero” è uno degli elementi fondamentali in quanto molto spesso l’amatore tende ad esagerare andando in sovrallenamento o overtraining. Tale situazione , ossia il non saper rispettare i tempi di recupero, porta a un probabile peggioramento delle prestazioni nonostante l’atleta creda di continuare ad allenarsi al massimo.
Inoltre l’amatore, non è come l’atleta professionista, questo ha in carico anche gli stress derivanti da fattori di vita quotidiana.

L’allenatore aiuterà pertanto l’atleta a migliorare anche la sensibilità nel riuscire a modulare qualsiasi allenamento in funzione anche delle proprie sensazioni.

Giovanni Schiavo

sabato 7 maggio 2016

Alleno da tanto ...e buoni anche i risultati dall'inizio

Era 1982 è già allenavo...studiavo all'ISEF( Istituto Superiore di educazione Fisica) a Firenze, avevo già preso il brevetto come Istruttore del Settore Propaganda e fatto e superato il corso come Assistente Tecnico Regionale.
Con questi ragazzi abbiamo conquistato il 5° posto come società (Fulgor Prato)nel Campionato Italiano di Corsa Campestre a Grosseto.
Da sinistra Marco Farrugio, io, Fausto Innocenti, Riccardo Bertocci,Marco Falasca, (sotto) Gaetano Daniele( tuta diversa) e   Galluzzo.

lunedì 2 maggio 2016

L'Ultratrailer, Adriano Genisi

Con Adriano abbiamo approcciato una preparazione che per gradi lo ha fatto crescere sia dal punto di vista fisico che mentale.
Il suo obiettivo, almeno in questa prima parte di stagione è l'Extreme Trail Dolimiti, 103 km con D+7150 mt e D- 7060 mt...quindi un bell'impegno.
Adriano si è impegnato al massimo e per valutare il grado di preparazione, per poi affrontare le ultime  6 settimane, ha corso  The Abbots Way ossia l'Ultratrail sulla via degli Abati, 125 km con D+5100.
Bene ...abbiamo stabilito come partire...piano per poi crescere nella seconda parte.
E cosi è stato.
Una grande prestazione e arrivo con il sorriso

Leonardo De Toni

Con Leonardo abbiamo deciso di correre due maratone a distanza di poco tempo ed alla fine , anche se non abbiamo centrato il tempo voluto , il correre due maratone in poco più di 2:43' la dice lunga sia sull'atleta che sul programma seguito.

mercoledì 30 marzo 2016

LISA BORZANI...ED IO


Per due anni o qualcosa di più ho collaborato con Lisa Borzani nel predisporre i programmi di allenamento.Emozionante è stata la sua prima convocazione in nazionale e poi la seconda...essendo entrata di diritto tra le azzurre.A dicembre 2015 scelte diverse ci hanno allontanato...io seguo altri atleti lei invece ha trovato un altro allenatore, tuttavia queste sono le sue parole :


Lui e' Giovanni.
Uno tosto, coriaceo, indistruttibile, sanguigno.
Ha la Toscana nel DNA, il sud Italia che pulsa forte nelle vene e il Veneto nel cuore.
Non scende a compromessi e si espone sempre in prima persona perché la lealtà e la coerenza ce le ha nel sangue.
E' energia allo stato puro in qualunque momento ed in qualunque ambito.
Parla fluentemente il linguaggio della corsa su strada ma accetta la sfida di un corso accelerato di trail...perché lui e' Giovane dentro e vede la sfida come un' opportunità.
Lui fa del bene agli altri, anche a chi ne ha più bisogno.
Lo fa costantemente e gratuitamente regalando il bene piu' prezioso: il suo tempo...ma non vuole che si sappia perché lui e' capace di un " amore a perdere", senza tornaconto.
E' il COACH... il mio coach che sforna tabelle alle 3 di notte e risponde a mail di ogni tipo.
E' il mio coach che dice "sistemiamo assieme" anziché " hai sbagliato".
E' IL nostro Presidente e la sua/ nostra squadra Amatori Atletica Chirignago non si poteva chiamare in modo più azzeccato perché lui e' prima di tutto un AMATORE...amatore della corsa, dello sport e della vita.
Lui e' un Amatore CONTAGIOSO.
Grazie Giovanni!